La Street Photography, anche detta reportage, si occupa di “documentare” la realtà, la realtà della strada che può riguardare luoghi e/o persone, vista attraverso la percezione individuale del singolo fotografo.

La caratteristica principale della fotografia di strada è quindi l’autenticità, la spontaneità.

La fotografia di strada è un mezzo per esprimere la tua visione del mondo e della realtà e soprattutto un mezzo per dare sfogo al tuo impulso creativo. Le possibilità e le idee sono davvero infinite, non ci sono confini se non nell’immaginazione.

I limiti non sono mai la mancanza di tempo, la mancanza di opportunità o la mancanza di attrezzature adeguate. Gli unici limiti sono quelli mentali che noi stessi inventiamo. Ho preparato 8 mini-lezioni per aiutarti a comprendere meglio la Street photography.
Non devi necessariamente seguirli alla lettera, devi anzi trovare il tuo percorso e adattarli, modificarli. Considerale come una traccia da cui partire e da cui prendere spunto.

Non smettere mai di imparare e di creare, cerca sempre di raggiungere l’eccellenza quando lavori ad un progetto creativo. Se hai dei progetti fotografici ambiziosi, seguili e dedica tutto te stesso per portarli a termine. Iniziamo.

Mini-lezione #1.

Segui la Luce
La radice della parola “fotografia” in greco significa “disegnare con la luce.” Per capire la luce prova ad immaginare te stesso non come un fotografo, ma come un pittore con una macchina fotografica come pennello. Come regola generale, segui sempre la luce. Quando sei in giro per le strade, cerca di trovare aree con contrasti forti tra le ombre e la luce.

Se ti trovi a fotografare durante le ore centrali della giornata, ti suggerisco di utilizzare l’AEB (Auto Exposure Bracketing), disponibile in ogni reflex, che permette di scattare più immagini variando automaticamente l’esposizione. L’obiettivo sarà comunque quello di rendere al meglio il contrasto tra le zone d’ombra molto scure e le aree di luce ben esposte.

La luce trasforma l’ordinario in magico. Un’immagine senza una buona luce può essere noiosa, la stessa immagine con una luce favorevole diventa qualcosa di eccezionale.

 

Mini-lezione #2.

Non riprendere dai fianchi
Un altro errore comune che gli aspiranti fotografi di strada fanno è che cercano di superare la loro paura di scattare fotografie a soggetti sconosciuti scattando dai fianchi, ovvero con la macchina fotografica ad altezza fianchi senza guardare attraverso il mirino.

E’ evidente che seguendo questo metodo non hai il pieno controllo sull’inquadratura, la maggior parte dei tuoi scatti risulterà mal formulata e distorta e quei pochi scatti decenti non saranno frutto di bravura ma di fortuna.

Sii fiducioso e sicuro di te stesso. Scatta le tue fotografie di strada utilizzando il mirino (o lo schermo LCD), in fondo è un altro modo per segnalare che non stai facendo niente di male. Inoltre avrai migliore controllo sull’inquadratura e sulla composizione.

Mini-lezione #3.

Non ritagliare le immagini
Un errore comune che molti fotografi fanno è che ritagliano le loro immagini anche quando non è necessario, ritagliano ogni singola fotografia, per abitudine quasi, anche quando ciò che appare agli estremi dell’inquadratura è in realtà interessante.

Un altro aspetto negativo dell’essere “maniaci del ritaglio” è che si diventa pigri. Soprattutto nella fotografia di strada si tende a pensare di poter scattare anche da una distanza maggiore per poi ritagliare e ingrandire i soggetti dopo, anziché muoversi fisicamente più vicino. Questo sistema ti impedisce di migliorare la composizione e l’inquadratura.

Quando ho saputo che Henri Cartier-Bresson, il padrino della fotografia di strada e il maestro della composizione, non ritagliava le sue immagini e proibì ai suoi studenti di farlo, ho deciso di provare come se fossi un suo studente.

Imponendomi invece questa regola del “non ritaglio” ho cominciato a concentrarmi sull’aspetto marginale e sui bordi della scena inquadrata. Così facendo, il mio modo di comporre è migliorato drasticamente.

Non sto dicendo che non si dovrebbe mai ritagliare le fotografie. Ci sono molti maestri di fotografia di strada che ritagliano pesantemente le loro foto. Tuttavia, se vuoi migliorare la composizione, ti suggerisco di provare per almeno un mese intero a non ritagliare. Ti posso garantire che un mese più tardi il tuo modo di comporre migliorerà notevolmente.

Quando sei in giro per le strade a scattare fotografie evita la ” visione a tunnel”, in cui guardi solo la parte centrale dell’inquadratura. Concentrati sull’insieme, inclusi i bordi e lo sfondo per migliorare la composizione.

Mini-lezione #4.

Mantieni una “mente da principiante”
Ti ricordi la prima volta che hai preso in mano una macchina fotografica e non eri vincolato da regole, teorie, tecniche e strategie fotografiche?

E la prima volta che hai provato a fare fotografia di strada? La sensazione che si prova è di totale leggerezza, semplicemente vagare per le strade e scattare le foto che reputiamo interessanti senza pregiudizi, ansie, autocritiche o altri limiti.

Se ricerchi la perfezione, ad ogni costo, potresti sperimentare un blocco creativo che ti assicuro, non è divertente. Se ti imponi troppi limiti e troppe regole da seguire il rischio che corri è proprio quello di un totale irrigidimento del processo creativo che ha come conseguenza la mancanza di entusiasmo e quindi, poco dopo, la rinuncia totale a portare avanti i progetti iniziati.

Non preoccuparti dei piccoli dettagli; semplicemente, prendi la tua macchina fotografica, esci per le strade e scatta le foto seguendo il tuo istinto creativo.

Non dimenticare le difficoltà legate alla fotografia di strada; si tratta di uno dei generi di fotografia più difficili. Nessun’altra forma di fotografia infatti richiede il coraggio necessario ad avvicinare gli estranei e le persone in luoghi pubblici.

Il problema è che più si diventa esperti e più si diventa insaziabili di novità, altrimenti il rischio è quello di annoiarsi. Si può vivere nella città più interessante del mondo (Parigi, Tokyo, New York) e dopo un po’ si perde comunque l’interesse. So che non è facile, ma ti chiedo almeno di provare a seguire questo consiglio: passeggia per le strade della tua città come se fosse la prima volta.

Immagina di trovarti in un luogo interessante e unico. Immagina di essere un turista nella tua stessa città. Prova a cambiare le cose. Passeggia per le strade della tua città scegliendo un percorso diverso da quello che fai di solito.

Dopodiché, proprio come farebbe un principiante, semplicemente scegli ciò che più ti pare interessante e scatta le tue fotografie senza pensare.

Mini-lezione #5.

Aggiungi senza rovinare l’equilibrio
Più si diventa esperti e più si diventa sofisticati. Con l’esperienza e la pratica potrebbe anche subentrare l’esigenza a voler aggiungere qualcosa in più alle tue immagini. Potrebbe nascere in te il desiderio di creare immagini più complesse, con più strati e diversi colori.

Continua a cercare qualcosa di più che potresti aggiungere all’inquadratura, soprattutto elementi da inserire nel background senza rovinare l’intera armonia dell’immagine. Come fotografi di strada alle “prime armi”, si diventa ossessionati solo da ciò che si pone di fronte e si tende a trascurare lo sfondo. Spesso non ci si rende conto del fatto che lo sfondo è importante tanto quanto il primo piano.

Aggiungi esclusivamente ciò che ritieni sia essenziale al miglioramento dell’immagine nel suo insieme.

Mini-lezione #6.

Ripetizione o Innovazione?
Per un fotografo e un artista, la linea che separa la scelta tra la ripetizione e la varietà è sottile. Da un lato si è portati a ripetersi, per coerenza, per lasciare il proprio marchio e conferire un certo stile e una voce inconfondibile al proprio lavoro. D’altra parte invece, si vorrebbe anche variare, portare un po’ di innovazione, per non annoiare se stessi e chi osserva le nostre opere.

L’idea è che c’è bisogno di un contesto, una struttura in grado di ispirare e far emergere la creatività dell’artista e del fotografo. Ad un certo punto però questo contesto, questo tema o struttura potrebbe trasformarsi in una gabbia e, una volta che ciò accade, è il momento di passare oltre. Cambiare contesto, cambiare struttura e cercare nuove fonti di ispirazione per la propria arte.

 

 

Mini-lezione #7.

Scatta dal cuore
Il problema di molti fotografi è che diventano troppo analitici nel loro metodo di fare fotografia. Si preoccupano eccessivamente della composizione, dell’inquadratura, della forma, insomma danno precedenza al lato tecnico, dimenticando così la cosa più importante, ovvero scattare un’immagine memorabile.

Un’immagine può essere memorabile solo se la creazione di essa parte dal cuore, se trasmette l’anima e la passione del suo autore.

Quando sei in giro, alla ricerca di scatti unici, non essere troppo analitico. Scatta seguendo il tuo intuito e le tue emozioni.

Mini-lezione #8.

Crea un progetto ampio
Una singola immagine può suggerire una storia a chi osserva ma, una storia vera, ha bisogno di un inizio di una parte centrale e di una fine; cosa che si può ottenere solo attraverso una serie di immagini. Il problema delle immagini singole è che spesso non forniscono abbastanza contesto.

Le fotografie non suggeriscono lo scorrere del tempo ma lo congelano. A differenza della narrativa quindi, possono suggerire delle storie ma non possono raccontarle. La fotografia assomiglia in questo molto più alla poesia che non ai romanzi. Le immagini fotografiche lasciano delle impressioni che suggeriscono la storia allo spettatore.

Per raccontare una storia devi lavorare con un insieme di fotografie; un modo potrebbe essere quello di affrontare un progetto più come se fossi un produttore cinematografico che un fotografo.

Dedicarsi alla realizzazione di un progetto fotografico più ampio, la scelta della sequenza e la pubblicazione finale sono aspetti altrettanto importanti.

Tieni presente l’importanza delle immagini singole, ma se vuoi ampliarne il significato e coinvolgere l’osservatore nell’esperienza che sta dietro alle immagini di fotografia di strada, allora dovrai mettere insieme una sequenza di molte immagini selezionate con cura.

 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Come fotografare

10 Abitudini negative da superare

Generalmente per cattiva abitudine si intende un comportamento, ripetuto nel tempo, dannoso al benessere di qualcuno o di qualcosa. Questo concetto può essere qui inteso come l’assunzione di un insieme di comportamenti (fotografici ad esempio) Leggi tutto…

Come fotografare

5 consigli semplici e veloci per la fotografia macro

Con l’arrivo della bella stagione, durante la primavera e l’estate, assistiamo alla trasformazione del mondo in un’esplosione di colori, di vitalità della natura in tutti i suoi aspetti e in ogni sua forma. E’ il Leggi tutto…

Generi fotografici

10 Consigli per un perfetto ritratto di famiglia

I ritratti di famiglia non sono semplici fotografie da mettere in un cassetto, sono immagini che vengono conservate con cura, spesso incorniciate, esibite e tramandate di generazione in generazione. Potrebbe trattarsi di una foto-ritratto della Leggi tutto…