Come usare l’Illuminazione per creare atmosfera

In questo articolo vedremo come usare le tecniche di High key e Low key, sono sicuro che dopo questo articolo saprete tutto sulla luce, la gamma di toni, luci e ombre, e come fare uno scatto splendidamente illuminato per una foto perfettamente equilibrata.

In effetti l’illuminazione non deve sempre essere perfettamente bilanciata con una gamma completa di toni. Usando il colore a tuo vantaggio, otterrai diversi stili di illuminazione in grado di produrre diversi stati d’animo, e due degli esempi più estremi di questo lo puoi trovato in immagini dette in gergo fotografico High key e Low key.

Di queste tecniche ne parlo approfinditamente anche nel mio corso di fotografia bianco e nero

L’illuminazione High-key

Illuminazione High-key si riferisce semplicemente alle immagini che hanno una netta dominante luminosa, con una gamma di toni chiari e qusi completamente bianchi senza quindi toni neri o toni medi. In fotografia high-key, i toni che in genere sarebbero visti di fascia media diventano molto più luminosi, toni vicino al bianco diventano invece completamente bianchi. Questo stile di illuminazione è stato originariamente sviluppata per il cinema e la televisione, quando ancora la tecnologia non era ancora in grado di catturare alti rapporti di contrasto. High-key oggi è una decisione puramente artistica per chi fa fotografia o per i cineasti che scelgono questa tecnica quando vogliono un’immagine o una storia con un taglio un pò “young”.

 


da Flickr dall’utente jDevaun

 

Un errore comune è che un’immagine high-key non ha bisogno di avere una vero punto di nero pieno. E mentre questo in genere è vero, per le immagini normali, per quelle High-key spesso presentare anche piccole quantità di nero. Queste aree molto piccole di toni neri evitano che l’immagine abbia quell’effetto un pò sbiadito. Quel piccolo punto di nero come nella foto qui sopra, – o un’ombra sotto i capelli – può fare la differenza tra un’immagine High-key e una che è semplicemente sovraesposta.

 

Come catturare un’immagine High o Low key.

Un sacco di gente è in grado di creare immagini high-key e low-key  in post-produzione, ma il modo migliore per ottenere una foto vincente con uno di questi due stili di illuminazione è farlo con la tua fotocamera. Per fare questo,  o hai a disposizione il tuo studio in casa impostato per immagini ad High-key, o in attesa di averne uno puoi optare per la luce diurna dell’esterno.

 


dall’utente Flickr Paul Goyette

 

Illuminazione in Studio per la fotografia high-key

Uno studio di illuminazione di base impostato per la fotografia high-key è costituito da una luce principale e una luce di riempimento, la tua luce chiave deve essere due volte la luminosità del riempimento. Lo sfondo deve essere illuminato in modo indipendente, preferibilmente con due luci posizionate 3-5 metri di distanza ad angoli di 45 gradi. Queste luci di sfondo dovrebbero essere almeno uno stop più luminoso dell’lluminazione del soggetto. Questo si tradurrà in background blown-out per trovare al meglio la tua illuminazione High-key.

Immagini a High-key possono essere ottenute anche in studio con uno sfondo color pastello, anche se il bianco è più comune e generalmente più semplice da lavorare. Usando un modello, si può certamente ottenere un effetto high-key indipendentemente da ciò che indossa, ma se vuoi ottenere il massimo, devi usare dei modelli vestiti con colori chiari o in bianco.

Illuminazione Naturale per la fotografia high-key

 


utente da Flickr dibytes

Non hai bisogno di illuminazione in studio per acquisire un’immagine high-key, ma dovrai ricorrere a qualche trucco. La situazione illuminazione esterna ideale per le immagini ad alta-chiave è luce piatta come quello che si ottiene in una giornata nuvolosa, anche se idealmente un giorno più luminoso rispetto a quella in cui, per esempio, c’è un temporale minaccioso all’orizzonte. Una Luce piatta di per sé non è destinata probabilmente ad essere abbastanza, però, avrete anche bisogno di un riflettore per inserire le ombre.

Trovare sfondi in ambienti esterni non è facile, ma devi cercare qualcosa di adatto, dal momento che non si può fare affidamento solo su un fondale bianco luminoso per dare un effetto High-key. Dovrai cercare uno sfondo semplice che è esente da toni scuri e da ombre. Appena lo trovi, imposta una compensazione dell’esposizione a +1 e scatta poi tra una compensazione dell’esposizione di +2 e scatta di nuovo. Potrebbe essere necessario andare più in alto a +3 prima di ottenere il giusto effetto – Qui siamo di fronte ad un’arte più che una scienza, la sperimentazione e probabilmente produrrà i migliori risultati.

Utilizzo di post-elaborazione tweak

Teoricamente, non puoi fare affidamento sulla post-elaborazione per creare un’immagine high-key, ma la si può utilizzare per migliorare le tue foto high-key o potenzialmente per creare immagini a high-key su foto che sono state scattate con le condizioni ottimali, ma non possono ancora “qualificarsi” come “high-key”.

Ci sono un sacco di modi diversi per raggiungere questo in post-produzione, ma in generale puoi agire fin da subito sulla regolazione delle curve nella tua immagine fino ad ottenere una gamma high-key. Ecco un modo di farlo in Photoshop, dapprima convertendo l’immagine in bianco e nero (anche se non la conversione in bianco e nero non è ovviamente richiesta):

 

Prima desaturare l’immagine andando su Immagine-> Regolazioni-> Tonalità / Saturazione. Spostare il cursore di saturazione fino a raggiungere -100. Ora avete una immagine in bianco e nero. Poi, vai su Livelli -> Regolazione -> Curve e muovi con le curve fino ad ottenere l’effetto che stai cercando. A seconda di come il soggetto era illuminato, questo può essere una forma di “S”, o un arco. Ricorda che sei in cerca di pochissimi neri e di mezzitoni con un sacco di toni brillanti e bianchi. Cerca di mantenere tutti i dettagli importanti del soggetto.

 

A questo punto alcuni fotografi per ammorbidire l’immagine con il filtro di sfocatura gaussiana. Per fare questo, prima di creare un livello duplicato, il nome può avere un nome semplice (come “sfocatura”), poi vai su Filtro -> Sfocatura -> Controllo sfocatura e regola il raggio di sfocatura da qualche parte nel quartiere di quattro pixel. Ora fai doppio clic sul livello di sfocatura e regola il cursore opacità fino al 40 o 50 per cento, fino ad ottenere un effetto più morbido. Ci sono altri modi per fare questo, ad esempio aggiungere una maschera al livello di sfocatura e usare la gomma per portare sopra le aree che si desidera togliere dal livello sottostante.

Quello che non si vuole

high-key non significa solo sovraesposta. Mentre punti allo sfondo sovraesposto, puoi fare in modo che il soggetto abbia una buona gamma di toni chiari, e senza riflessi. Ma attenzione che sul lato opposto della scala, non ci siano ombre troppo profonde. Idealmente è meglio una piccola gamma di neri e mezzi toni.

 


dall’utente Flickr Ger Kunz

 

Come funziona la low-key

Probabilmente avete indovinato già che la luce low-key è l’opposto della luce high-key, lo yin del suo yang. L’Illuminazione High-chiave si concentra su toni chiari e bianchi; illuminazione low-key si basa su ombre, neri profondi e toni più scuri, con pochissimi bianchi e toni medi. Il mood è opposto, mentre l’illuminazione high key è più “positiva” e ottimista, illuminazione low-key è più cupa, misteriosa e drammatica o addirittura inquietante a seconda del soggetto.

Immagini ad high key sono piatte con meno contrasto di un’immagine che si qualifica come mid-key, che è la maggior parte delle immagini che i fotografi producono. Le immagini low-key, d’altra parte, tendono ad avere molto contrasto, con l’effetto principale contrastante proveniente dalle ombre.

 


da Flickr dall’utente teobonjour – www.matteomignani.it

 

Studio di illuminazione per la fotografia low-key

Uno studio low-key set up è molto più semplice di uno high key. Hai solo bisogno di una sola fonte di luce e uno sfondo scuro o nero. Puoi iniziare avendo un riflettore semplice, anche se in molti casi tutto ciò che ti serve è un’unica fonte di luce. Come regola generale, mantenere la luce fuori dal campo visivo del tuo soggetto.

 


da Flickr utente photophilde

 

Illuminazione “naturale” per la fotografia low-key

L’Illuminazione naturale o non in studio è un po ‘più complicata quando devi scattare in low-key. La Ripresa in esterni di notte è sempre un’opzione possibile, anche se avrai bisogno di una sorgente di luce molto luminosa, come un lampione o dei fari di una macchina per ottenere un vero low-key. Una torcia elettrica o un falò potrebbe anche servire come fonte di luce. Ambientazione interna, è possibile utilizzare anche la luce che filtra da una stanza luminosa in una stanza buia attraverso una porta aperta.

E ‘tecnicamente possibile scattare un’immagine low-key durante il giorno, anche, con un poca esperienza. In primo luogo scegliete un soggetto che è illuminato dal sole, ma è di fronte a uno sfondo che è in ombra. A quel punto aggiungete il suo sfondo (qui hai bisogno di un pezzo di velluto nero o altro materiale nero). Ora imposta la tua compensazione dell’esposizione a sottoesporre da due o tre stop (provare entrambi e confrontare). Se non c’è abbastanza contrasto tra lo sfondo e il soggetto, è anche possibile utilizzare un flash esterno per fornire luce supplementare.

 


da utente di Flickr Bill Gracey

Hai assolutamente bisogno di un treppiede per raggiungere questo obiettivo, quindi assicurati di averne uno a portata di mano uno ogni volta che sei alla ricerca di immagini low-key. Per scattare un’immagine low-key durante il giorno devi chiudere il diaframma e utilizzare un tempo di posa più veloce, e usa sempre il treppiede per evitare vibrazioni della fotocamera. Quando si sottoesporre in condizioni di scarsa luce, si potrebbe scoprire che le immagini contengono rumore indesiderato e strisce – a quel punto abbassare l’ ISO, della fotocamera per ovviare a questo problema.

Scatta in RAW se puoi anche se è un’opzione, dato che il formato RAW riesce a catturare una gamma più ampia di toni e vi permetterà di catturare potenziali low-key senza doverli sottoesporre drammaticamente. Con il RAW, è possibile catturare le luci e aggistare le ombre in post-produzione.

Ottimizzare le immagini low-key in postproduzione

La maggior parte del lavoro deve essere fatto dalla fotocamera come sempre, perchè sia un’immagine con uno sfondo bianco o chiaro e sia per il low-key, sarà molto difficile da convertire senza un buon lavoro fatto a monte. Ma l’immagine ripresa nelle giuste condizioni può essere resa più drammatica in post-produzione con pochi passi di base, molti dei quali sono simili (ma opposti) ai passaggi da seguire per creare un’immagine high-key (queste istruzioni sono per il nero e bianco-low-key ma possono essere anche eseguite per il colore).

In Photoshop, prima desaturare l’immagine vai su Immagine-> Regolazioni-> Tonalità / Saturazione. Sposta il cursore di saturazione fino a raggiungere -100, proprio come hai fatto quando eri alla foto ad high-key. Ora avete una immagine in bianco e nero. Ora crea un livello di luminosità / contrasto cliccando quel piccolo simbolo che sembra un incrocio tra un sole e il simbolo yin / yang. Alza sia la luminosità e il contrasto finché l’immagine appare come la volevi. Ora è possibile regolare le curve come avevi fatto con la tua immagine high key, saranno invertite solo il tuo S o curva dell’arco.

È anche possibile schiarire o scurire selettivamente parti dell’immagine utilizzando lo strumento Selezione rapida. Proprio come con immagini a high key. Saranno necessari un pò di esperimenti.

 


dall’utente Flickr Bill Gracey

 

Quello che non si vuole

Un’immagine low-key non è un immagine sottoesposta. Le Immagini sottoesposte tendono ad essere piatte, con riflessi o bianchi bruciati nell’immagine. Questo è in realtà l’opposto di ciò che si desidera ottenere in un immagine low-key. Le immagini low-key hanno bisogno invece di avere un contrasto elevato, il che significa un bel bianco vivo così come dei bei neri profondi.

Conclusione

Una delle cose meravigliose della fotografia è che anche se ci sono circa un milione di differenti regole – o regole di composizione, regole di illuminazione, regole di esposizione – in realtà non sono regole. Quasi tutte le “regole” possono essere  interpretate con buoni risultati, purché si sappia cosa si sta facendo.

Esperimenti con immagini a low key e high key sono un modo per spingere ai limiti tali norme. Anche se si dice che una buona foto non deve necessariamente avere una gamma completa di tonalità, come dicevano i pionieri della fotografia, non significa che non si può avventurarsi in altri regni di luce e ombra e vedere cosa succede. A volte si ottengono risultati straordinari.

 

 

You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0 You can leave a response, or trackback.

4 Responses



Leave a Reply