Fotografia digitale

Food Phothography: guida alla giusta illuminazione

[caption id="attachment_448" align="alignleft" width="300"] foto torta[/caption] Tra i generi che in questi ultimi anni stanno conoscendo maggior successo c’è senza dubbio la food photography, cioè le foto di cibo. Sono diverse le tecniche di fotografia che permettono di ottenere scatti di qualità, che possono poi essere utilizzati in diversi ambiti, da quello prettamente pubblicitario, a  quello più decorativo e simbolico. I segreti della luce Prima di enunciare alcune tecniche fotografiche importanti, partiamo subito con il ricordare che, quando si parla di food photography, la luce è ancora di più un messaggio. In che senso? In base al modo in cui decidiamo di usarla, evidenziando alcune parti piuttosto che altre, trasmettiamo all’osservatore una particolare comunicazione relativamente al soggetto dello scatto. Proprio perché è protagonista il cibo, riveste una grande importanza il fatto di creare il giusto effetto visivo, in modo da restituire allo spettatore un senso il più possibile vicino alla genuinità. (altro…)

Di Andrea Darrei, fa
Come fotografare

Foto ritratto: 10 consigli utili (parte 2)

[caption id="attachment_355" align="alignleft" width="300"] Foto ritratto bambino - ritratto di Jiri Hodan[/caption] In questo post leggerete altri consigli per migliorare le vostre fotografie di ritratto. Ovviamente non basta qualche articolo di un blog per raggiungere livelli professionistici: per quello è necessario frequentare un corso di fotografia, cercando il più possibile di carpire dal vivo i segreti dei maestri dello scatto. Adesso però ecco gli altri suggerimenti per i vostri fotoritratti. 4. • Quanti scatti? Non è facile cogliere perfettamente i lineamenti di una persona: sono tanti i fattori disturbanti che possono intervenire durante una sessione, perciò capita spesso di chiedersi quale sia il numero giusto di scatti da fare. La risposta classica vuole che sia 40. Premendo più di una volta il pulsante di scatto è così possibile avere molta più scelta, eliminando gli inconvenienti costituiti da occhi rossi, smorfie, espressioni magari un po’ ridicole. (altro…)

Di Andrea Darrei, fa