10 Consigli per un perfetto ritratto di famiglia

I ritratti di famiglia non sono semplici fotografie da mettere in un cassetto, sono immagini che vengono conservate con cura, spesso incorniciate, esibite e tramandate di generazione in generazione.

 

Potrebbe trattarsi di una foto-ritratto della tua famiglia ma potresti anche doverti trovare nella situazione di fotografare la famiglia di un tuo amico o di essere chiamato per un servizio fotografico dedicato alle foto di famiglia.

Intanto è importante creare sintonia con i membri della famiglia da fotografare e qualora ci fossero anche dei bambini bisogna trovare il modo per coinvolgerli. E’ possibile che la richiesta da soddisfare includa una foto di tutta la famiglia o tante foto con vari membri della stessa famiglia.

 

Da che parte iniziare? Quali impostazioni scegliere?

Qui di seguito voglio darti alcuni suggerimenti per eseguire un perfetto ritratto di famiglia.

(altro…)

Tre Nuove idee per liberare la tua creatività fotografica

Ogni artista ha bisogno di una fonte di ispirazione che si tratti di una musa ispiratrice, una collezione di fotografie e immagini preferite, un particolare luogo o un elemento della natura.

Certi giorni però neppure le tue fonti di ispirazione più forti e significative sembrano essere sufficienti; ed è proprio in quei giorni che hai bisogno di ulteriori idee creative.

Un metodo che può rivelarsi utile è quello di definire un progetto fotografico che non sia semplicemente un tema specifico ma qualcosa di più impegnativo che richieda dedizione e sforzo. Trovo che dedicare tempo ed attenzione a un progetto per alcune ore o alcuni giorni di seguito sia il modo migliore per sviluppare il processo creativo.

Se anche tu hai in mente dei progetti fotografici che non hai mai realizzato, allora è arrivato il momento di iniziare. Se invece vorresti cominciarne uno ma non sai da dove partire ecco per te alcuni suggerimenti.

1 – Progetto Lettere (dalla A alla Z)

Questa idea ha molte varianti e credo che possa essere molto divertente creare un progetto dedicato alle lettere vere e proprie ossia fotografare oggetti che hanno la forma (o che ricordano la forma) dell’alfabeto.

foto-lettere

Non si tratta di un progetto breve perché potrebbero volerci diverse settimane per trovare i vari oggetti (uno per ogni lettera). Certo, volendo potresti barare un po’ e assemblare insieme alcuni oggetti in modo che formino le lettere ma credi davvero che sarebbe altrettanto divertente? Io ti suggerisco piuttosto di trattare questo progetto come una caccia al tesoro dove il tesoro, in questo caso, sono le lettere ovviamente.

Lo so che potresti scoraggiarti ma, una volta che inizi, rimarrai stupito da quanti oggetti in realtà assomiglino veramente alle lettere, e alla fine sarà molto divertente.

Io ho visto dei paletti per recinti a forma di lettere oltre che montagne a forma di “M” e sono abbastanza certo che anche tu potresti rimanere stupito dagli oggetti che troverai una volta iniziato il progetto.

Vorrei darti alcuni consigli che potrebbero esserti d’aiuto prima di iniziare.

• Non fotografare le lettere vere e proprie, quelle che potresti trovare su delle insegne o su qualche cartello, non sarebbe lo spirito giusto con il quale realizzare questo particolare progetto (potresti però realizzare un progetto dedicato alle insegne…).

• Per fare in modo che il tuo intento sia chiaro e diretto, posiziona l’oggetto al centro, riempi l’inquadratura con il soggetto scelto e non lasciare spazi vuoti.

(altro…)

I 3 obiettivi indispensabili per un fotografo

La domanda più frequente che mi fanno è:

“Andrea, quali obiettivi dovrei acquistare secondo te”? Visto che sono all’inizio?

Le opzioni sono infinite, esiste una varietà immensa di obiettivi a seconda delle esigenze di ognuno e delle diverse situazioni o contesti da fotografare.

Tuttavia, a mio avviso ci sono tre obiettivi che considero dei “must have”. Questi non dovrebbero mai mancare nel kit di un fotografo. Questa selezione è dedicata soprattutto ai fotografi che stanno iniziando che stanno progredendo nella loro capacità fotografiche e che stanno vagliando un pò vari generi o soggetti su cui concentrarsi. Come ad esempio paesaggi, ritratti, still life ecc.

Eccoli:

  1. Obiettivo tuttofare cioè un obiettivo generico.
  1. Un obiettivo luminoso.
  1. Un teleobiettivo.

 

OBIETTIVO TUTTOFARE O GENERICO

9190TZvuY4L._SL1500_

Tamron e Sigma 17-50mm

Questo è l’obiettivo che credo utilizzerete di più. Per le fotocamere APS-C consiglio un obiettivo 18-50mm. Per il formato 35 mm potrebbe andar bene un 24-70mm.

Un obiettivo simile, soprattutto per quel che riguarda le lunghezze focali, ma con una lente di qualità più elevata è il 16-85mm. Oppure i Tamron e Sigma 17-50mm f2.8 che hanno un’apertura massima maggiore.

Questo obiettivo tuttofare è molto indicato se ad esempio uscite per una passeggiata e non sapete ancora esattamente che tipo di scatti farete.

 

(altro…)

Come usare l’Illuminazione per creare atmosfera

In questo articolo vedremo come usare le tecniche di High key e Low key, sono sicuro che dopo questo articolo saprete tutto sulla luce, la gamma di toni, luci e ombre, e come fare uno scatto splendidamente illuminato per una foto perfettamente equilibrata.

In effetti l’illuminazione non deve sempre essere perfettamente bilanciata con una gamma completa di toni. Usando il colore a tuo vantaggio, otterrai diversi stili di illuminazione in grado di produrre diversi stati d’animo, e due degli esempi più estremi di questo lo puoi trovato in immagini dette in gergo fotografico High key e Low key.

Di queste tecniche ne parlo approfinditamente anche nel mio corso di fotografia bianco e nero

L’illuminazione High-key

Illuminazione High-key si riferisce semplicemente alle immagini che hanno una netta dominante luminosa, con una gamma di toni chiari e qusi completamente bianchi senza quindi toni neri o toni medi. In fotografia high-key, i toni che in genere sarebbero visti di fascia media diventano molto più luminosi, toni vicino al bianco diventano invece completamente bianchi. Questo stile di illuminazione è stato originariamente sviluppata per il cinema e la televisione, quando ancora la tecnologia non era ancora in grado di catturare alti rapporti di contrasto. High-key oggi è una decisione puramente artistica per chi fa fotografia o per i cineasti che scelgono questa tecnica quando vogliono un’immagine o una storia con un taglio un pò “young”.

 


da Flickr dall’utente jDevaun

 

Un errore comune è che un’immagine high-key non ha bisogno di avere una vero punto di nero pieno. E mentre questo in genere è vero, per le immagini normali, per quelle High-key spesso presentare anche piccole quantità di nero. Queste aree molto piccole di toni neri evitano che l’immagine abbia quell’effetto un pò sbiadito. Quel piccolo punto di nero come nella foto qui sopra, – o un’ombra sotto i capelli – può fare la differenza tra un’immagine High-key e una che è semplicemente sovraesposta.

 

Come catturare un’immagine High o Low key.

Un sacco di gente è in grado di creare immagini high-key e low-key  in post-produzione, ma il modo migliore per ottenere una foto vincente con uno di questi due stili di illuminazione è farlo con la tua fotocamera. Per fare questo,  o hai a disposizione il tuo studio in casa impostato per immagini ad High-key, o in attesa di averne uno puoi optare per la luce diurna dell’esterno.

 

(altro…)