I giorni allegri e spensierati dell’estate sono ormai arrivati, il che significa che siamo pronti per fotografare i pranzi in giardino, le giornate al mare, le gite fuoriporta…insomma tutte quelle attività che caratterizzano l’estate e la vita all’aria aperta.

Ma solo perché c’è un bel sole e tanta luce non significa che le fotografie debbano venire bene. In effetti le fotografie estive presentano delle sfide da superare: un sole abbagliante, riflessi accecanti sulla superficie dell’acqua e questi sono solo alcuni esempi.

Vediamo in pratica 5 consigli che possono aiutarti a superare queste, ed altre, difficoltà e a far si che le tue fotografie estive siano memorabili.

 

1) Quando la luce del sole non basta

Fill-in flash o flash di riempimento

Ci siamo passati tutti. Trovi lo sfondo perfetto e posizioni il tuo soggetto proprio di fronte a questo meraviglioso sfondo, felice e certo che la tua fotografia sarà un successo. Poi quando è ora di riguardare la foto che hai appena scattato scopri che il tuo soggetto è scuro e non si vede nulla perché hai scattato con il sole di fronte…

Come risolvere questo problema? Dirai…basta spostare il soggetto. Ok, ma molto spesso questo significherebbe rovinare l’intera fotografia che avevi in mente di realizzare. Oppure potresti decidere di ritornare sul posto in un altro momento della giornata, ma alla fine anche questa soluzione non è il massimo e spesso, nonostante le buone intenzioni, alla fine non si realizza.

Esistono alcuni metodi semplici per dare luce, la luce giusta, al tuo soggetto. Uno di questi è il fill-in flash. Per illuminare il soggetto con il flash della fotocamera, devi impostare gli f-stop.

Come primo passo fai una lettura con l’esposimetro incorporato nella fotocamera. Assicurati che la velocità dell’otturatore sia inferiore o uguale alla velocità di sincronizzazione del flash. Dopodiché procedi e imposta il flash in modo che sia esposto a 1 f/stop o 2/stop in più rispetto agli f/stop impostati per la fotocamera (stai praticamente ampliando l’apertura dell’obiettivo per far entrare più luce).

Usa dei riflettori

Il fill-in flash, o flash di riempimento, non è l’unico modo per dare luce al tuo soggetto. In alternativa potresti acquistare dei riflettori o crearne tu stesso con l’uso di un cartoncino bianco ad esempio. Dovrai sperimentare un po’ per capire quanta luce è necessaria per illuminate adeguatamente il tuo soggetto.

Riduci i riflessi

Innanzitutto prova ad usare dei filtri polarizzanti. Questi filtri servono a ridurre o eliminare del tutto i riflessi. Inoltre, un filtro polarizzante, servirà a dare maggior profondità ai colori del cielo, degli alberi, della natura, del mare ecc…Dovrai sperimentare un po’ con il tuo filtro polarizzante, ma i risultati saranno decisamente migliori. Il filtro riduce in generale la luce quindi dovrai impostare di conseguenza gli f/stop.

Anche fotografare la superficie dell’acqua, con i suoi molteplici riflessi, potrebbe richiedere un pochino di tempo e di pazienza. Ad esempio se vuoi scattare una fotografia della schiuma marina delle onde che si frangono sul bagnasciuga, prova a ridurre l’esposizione di 1f/stop. Puoi quindi ridurre gli f/stop oppure puoi ridurre la velocità di scatto.

Se invece, il soggetto che intendi fotografare è più scuro dell’acqua tutt’intorno puoi impostare l’esposizione da una posizione molto ravvicinata (rispetto al soggetto) e allontanarti da esso per scattare. In questo caso, ignora la lettura automatica della fotocamera e seleziona la lettura che hai fatto ad una distanza ravvicinata rispetto al soggetto che hai scelto.

 

2) Stesso posto, orari diversi

E’ il momento di gestire la luce, le tue fotografie miglioreranno in maniera esponenziale se imparerai a scattare lo stesso soggetto in diversi momenti della giornata. In questo modo ti concentri su un unico elemento essenziale: la luce. Gestire la luce, in fotografia, richiede pratica e sperimentazione in termini di impostazioni della macchina fotografica, uso del flash e nel seguire la trasformazione di un soggetto a seconda della luce, ovvero del momento della giornata.

Sapere esattamente dove e quando tramonta il sole, dove sorge e come influirà sui diversi soggetti nell’arco della giornata, ti aiuterà ad essere pronto in tempo per scattare le tue fotografie. Il sole sorge ad est e tramonta ad ovest, se sai in quale direzione sei rivolto quando il sole è direttamente sopra di te avrai un’idea migliore in merito a quale momento della giornata scegliere per fotografare qualunque soggetto interessante o scenario che potresti trovare.

Ci sono applicazioni online e siti web che possono esserti d’aiuto soprattutto quando sei in viaggio. Con questi programmi puoi immettere la tua posizione e capire esattamente dove sarà il sole in un dato momento. Puoi tracciare la tua posizione su una mappa topografica e determinare in quale direzione sarà rivolta la luce del sole e pianificare le tue giornate di conseguenza.

Le mappe topografiche sono particolarmente utili quando si pianifica un viaggio, soprattutto se visiti un luogo in cui ci sono montagne alte che creano ombre molto grandi nelle zone che intendi fotografare. Le mappe topografiche ti danno le informazioni necessarie in merito all’altezza e alla profondità dei paesaggi delle aree geografiche che ti interessano.

3) Utilizza una diversa lunghezza focale

Prova ad usare diverse lunghezze focali, esci dalla tua zona di comfort e sperimenta qualcosa di nuovo quest’estate. Se non hai diversi obiettivi, scegli una lunghezza focale diversa sul tuo obiettivo zoom. Usare diverse lunghezze focali ti costringe a pensare prima di scattare, ti porta a studiare maggiormente la composizione e, più in generale, a realizzare scatti più attenti. Se usi una data lunghezza focale per un certo periodo di tempo imparerai a capire – ancora prima di scattare – che cosa rientrerà nell’inquadratura e che cosa invece verrà tagliato fuori.

 

4) Scegli percorsi alternativi e meno conosciuti

Non aver paura di esplorare posti nuovi e nascosti. Segui dei percorsi alternativi e meno battuti, sono quelli che spesso conducono alle gemme nascoste. Anche se può essere più faticoso ne varrà la pena quindi, quest’estate, ti suggerisco di andare alla ricerca di luoghi difficili da raggiungere. Il clima secco e le lunghe giornate dell’estate creano una condizione molto più sicura per fare delle escursioni senza preoccuparsi del buio imminente.

Ci sono diversi modi per scoprire quali sono i luoghi nascosti e meno battuti nella zona in cui ti trovi, basta dare un’occhiata su internet oppure con il GPS (anche sul tuo cellulare) e poi andare all’avventura con la macchina fotografica.

 

5) Sei in vacanza ma…”oggi non c’è il sole”…

Una giornata di maltempo in vacanza può capitare. Anziché lamentarti e intristirti e pensare che un giorno della tua vacanza è sprecato, approfitta per scattare fotografie di luoghi che sono normalmente affollati. Se sei in una città pensa ai marciapiedi vuoti, una spiaggia deserta se sei al mare…Le spiagge hanno un’atmosfera davvero particolare subito prima e subito dopo un temporale.

Accertati di essere pronto e ben equipaggiato in caso di vento e pioggia, assicurati di avere le coperture necessarie per proteggere la tua macchina fotografica e l’attrezzatura. Evita di cambiare obiettivo se c’è sabbia, vento o pioggia.

La fotografia d’estate offre migliaia di opportunità in ogni momento della giornata. Il clima è piacevole e le giornate sono più lunghe. Si organizzano eventi all’aperto in ogni città e paese. Si possono fare escursione nella natura e fotografare il mare, le spiagge, le scogliere. La scelta è davvero infinita in praticamente qualunque luogo ci si trovi.

 

Metti in pratica questi tre semplici consigli pratici e le tue foto estive saranno esattamente come desideri che siano: memorabili, emozionanti e indimenticabili. Naturalmente la chiave per migliorare è sempre quella della messa in pratica e della sperimentazione (in luoghi diversi, in orari diversi con le varie possibilità di luce e di colori). Non aver paura di provare nuove impostazioni e nuove esposizioni.

Buona estate

Andrea Darrei

 

 


1 commento

nicoletta · 26 agosto 2017 alle 13:16

Semplicemente grazie per i consigli ma mi rendo conto che ho proprio bisogno di un corso di fotografia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Come fotografare

10 Abitudini negative da superare

Generalmente per cattiva abitudine si intende un comportamento, ripetuto nel tempo, dannoso al benessere di qualcuno o di qualcosa. Questo concetto può essere qui inteso come l’assunzione di un insieme di comportamenti (fotografici ad esempio) Leggi tutto…

Come fotografare

5 consigli semplici e veloci per la fotografia macro

Con l’arrivo della bella stagione, durante la primavera e l’estate, assistiamo alla trasformazione del mondo in un’esplosione di colori, di vitalità della natura in tutti i suoi aspetti e in ogni sua forma. E’ il Leggi tutto…

Come fotografare

3 cose che avrei voluto sapere quando ho iniziato

Ci sono alcune lezioni che tutti noi abbiamo imparato nel nostro percorso. Tentativi ed errori, sono parte della nostra crescita e che comunque dobbiamo passare per essere sicuri di avere dei risultati. Spesso impariamo più Leggi tutto…